Buon anniversario Unistrasi! L’Università per Stranieri di Siena celebra i cento anni dalla fondazione della Scuola di Lingua Italiana per Stranieri con l’evento “Parole in Cammino, Festival dell’Italiano e delle Lingue d’Italia”, in programma nella città del Palio da venerdi 7 a domenica 9 aprile. La grande festa dell’italiano coinvolgerà tutta la città, grazie anche alla partnership del Comune che ha messo a disposizione le location più suggestive del centro storico: la Sala del Mappamondo di Palazzo Pubblico, Palazzo Patrizi, la Biblioteca Comunale degli Intronati, il Santa Maria della Scala e il Teatro dei Rinnovati. Tre giornate per tre macrotemi: la comunicazione e l’informazione, con un occhio alle “fake news”, le notizie bufala divulgate sui social, la creatività della lingua italiana con il suo linguaggio in perenne divenire e il rapporto tra poesia e musica, con rapper (prevista la presenza di Zatarra) e autori di ottava popolare (leggasi Fernando Tizzi, il pastore poeta reduce dal successo de “La Maremma delle Idee”). “Siena per la lingua italiana, la lingua italiana per Siena” – riassume con uno slogan il Professor Massimo Vedovelli, componente del comitato scientifico del festival/festa – città cosmopolita che ospita studenti italiani e stranieri provenienti da tutto il mondo”. Il plus della festa dell’italiano? Sicuramente la multidisciplinarietà dei saperi, le contaminazioni con i diversi linguaggi (comunicazione non verbale, parole in “viaggio”, traduzione letteraria e capitalismo linguistico), il parterre di docenti universitari, poeti, musicisti, intellettuali, scrittori e artisti e il coinvolgimento delle scuole senesi, che prenderanno parte a due laboratori: la composizione di un testo italiano originale da cantare (e le nuove generazioni, si sa, talentdipendenti come sono, si trasformeranno sicuramente in autori di canzoni) e la realizzazione di un progetto sulle parole che sono in grado di cambiare il mondo. Durante la tre giorni, inoltre, i più creativi potranno partecipare al contest via Twitter (#Twittabolario) creato per lanciare nuove parole italiane. Il pomeriggio dell’8 aprile, alle 17.30 al Teatro dei Rinnovati, saranno consegnati tre premi: a Enrico Mentana per webete, a Matteo T. e alla sua maestra Margherita Aurora per l’invenzione di una nuova parola, “petaloso” (fiore con molti petali, ndr) e agli studenti vincitori delle Olimpiadi dell’Italiano, queste ultime in collaborazione con il MIUR. La festa dell’italiano e delle lingue d’Italia – parole in Cammino” è un festival che “fa rete” con altre manifestazioni organizzate in tutta l’Italia Centrale: la Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, il Futura Festival di Civitanova Marche, la Parola che non muore di Civita di Bagnoregio, il Borgo dei Libri di Torrita di Siena e ANTICOntemporaneo di Cassino. Tra i partner di Parole in Cammino, FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, con la sua Delegazione regionale e la partecipazione del Presidente Pierdonato Vercellone e del delegato all’innovazione Daniele Chieffi, Head of Social Media Management & Digital PR di Eni. “Ferpi – ha dichiarato Vercellone – con piacere aderisce alla manifestazione tramite la sua Delegazione Ferpi Toscana perché ritiene che la conoscenza dell’Italiano e delle lingue d’Italia sia la base per una crescita culturale e una corretta comunicazione. Perché ‘comunicare bene’ non è un optional ma un dovere professionale che deriva da una scelta consapevole delle parole, dei contenuti che rappresentano, dei suoi destinatari, degli strumenti che si utilizzano per riprodurle, dell’etica, delle modalità e del confronto nei vari campi professionali”.  Presenti inoltre anche Confimpreseitalia, Ad Siena, il ristorante bistrot Anonima X e The New Oxford School. Per info www.ilfestivaldellalinguaitaliana.it.

 

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi