Consulenza alle imprese

 logoleti_finale copia image001

Letizia Pini Relazioni Pubbliche e Comunicazione, di Letizia Pini, e Concertoconsulting studio, di Michele Porciatti, hanno siglato una partnership per la consulenza alle imprese, per offrire un’azione strategica mirata, un approccio manageriale innovativo e uno sviluppo sostenibile.
Le PMI hanno bisogno di una “iniezione di energia” per rafforzare le risorse interne, talvolta allo stremo, e competere nel mercato di riferimento dove le aziende devono mettere soprattutto volontà, fiducia e coraggio.
Da qui la proposta di “interventi mirati” per un shock benefico con competenze forti e coperture finanziarie, con la priorità di comunicare bene con gli stakeholder di riferimento
Tutti gli interventi proposti hanno caratteristica di:

  • rapidità
  • risultati tangibili
  • spinta emotiva

per superare “l’attrito”  verso il cambiamento e un miglioramento decisivo.

lampadinaL’organizzazione verrà accompagnatain un percorso di “nuova attività”, per evitare che l’entusiasmo dei primi momenti lasci il campo allo smarrimento per le inevitabili difficoltà.

Migliorare la competitività
ovvero ridurre i costi e aumentare l’efficienza dei processi:

  • macro analisi dei processi
  • individuazione dei processi critici
  • misura delle performance
  • intervento rapido
  • misura dei risultati
  • consolidamento

Imparare a collaborare e a creare valore
Trovare gli alleati per vincere insieme:

  • conoscere i plus competitivi
  • creare fiducia
  • esplorare e immaginare
  • progettare

Migliorare la misura delle prestazioni economico/finanziario
Sapere dove essere e quali i margini di manovra:

  • break even e marginalità
  • leve strategiche e leve economico-finanziarie
  • individuazione necessità di cassa e sviluppo di piani di consolidamento finanziario
  • gestione di progetti europei e nazionali peril finanziamento agevolato di piani di sviluppo aziendali

Il mercato e l’internazionalizzazione
Immaginare i mercati potenziali e internazionali:

  • il proprio posizionamento
  • la valutazione del mercato potenziale
  • la comunicazione, tradizionale e new media
  • la proposta di valore
  • gli strumenti

help

Percorso formativo possibile

Dalla strategia d’impresa alla pianificazione economico-finanziaria
•    La costruzione del modello di business e l’identificazione degli aspetti distintivi della proposta commerciale. I canali, i mercati e le risorse chiave
•    Il budget, la pianificazione economico-finanziaria, l’individuazione e l’analisi degli indici di performance

I sistemi di gestione: caratteristiche e finalità. Esempi e procedure tipo:
•    Le certificazioni di prodotto per l’agro-alimentare: la BRC e la IFS

Il controllo di gestione: dalla teoria alla pratica:
•    Struttura e riclassificazione dei costi .
•    Analisi make or buy
•    Il punto di pareggio
•    L’Activity BasedCosting

Lo sviluppo dei mercati internazionali: il modello di approccio a Rete:
•    L’internazionalizzazione parte da una profonda analisi delle risorse interne
•    L’importanza di aggregarsi e fare squadra
•    La comunicazione: identificare i pubblici di riferimento e focalizzare il messaggio
•    Analisi dei mercati obiettivo e sviluppo delle partnership
•    I finanziamenti a sostegno delle politiche di sviluppo estero
•    La programmazione europea e le opportunità nazionali

Scenario
La situazione macroeconomica non consente alle imprese di operare sul mercato seguendo le prassi consolidate negli scorsi anni, ma costringe tutti gli attori economici ad una profonda rivisitazione di tutti gli aspetti aziendali:

  • I mercati di riferimento
  • Le modalità di accesso a tali mercati
  • La proposta di prodotti/servizi
  • Lo sviluppo dei servizi a supporto

Nello specifico, diventa necessario superare i confini della propria azienda e cominciare a pensare ad alleanze con altri partner e a presidiare mercati esteri finora trascurati.
Spesso in questa necessaria rivalutazione complessiva del sistema si dimenticano gli aspetti qualitativi e intangibili che possono più che mai fare la differenza nel mercato attuale e futuro:

  • La forza e la qualità delle relazioni che le aziende riusciranno a creare e a mantenere con i propri stakeholders (i clienti, ma anche i fornitori, i dipendenti, le istituzioni, le banche,…) risulterà determinante per raggiungere e mantenere posizioni di privilegio e di sicurezza nel contesto competitivo moderno.

Anche lo sviluppo sempre più marcato degli strumenti di comunicazione istantanea via web costringe le aziende a rapportarsi (attivamente o passivamente) con queste tecnologie e l’utilizzo proattivo di questi mezzi risulta sempre più determinante nel successo di un prodotto o di un’intera azienda.
La formazione delle risorse favorisce la costruzione di relazioni e permette dimantenerle nel tempo per un rapporto forte fra le parti e duraturo negli anni.

FacebookTwitterGoogle+Condividi